Login | Iscriviti


Tutti gli orari sono UTC +1 ora [ ora legale ]


HOME Stregaperamore

Apri la Chat in pop up-





Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 2 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Il Piccolo Popolo delle Janas
MessaggioInviato: 23/05/2011, 9:30 
Moderatore
Avatar utente

Iscritto il: 21/12/2010, 10:35
Messaggi: 326
Immagine


Il popolo delle Janas viveva sui fianchi delle colline, dentro piccole grotte scavate nella roccia: le domus de janas, che ancora esistono a centinaia e a migliaia, sparse in tutta la Sardegna.
Non erano né fate, né streghe, ed erano l'una e l'altra cosa assieme. Erano donnine piccole come uccelli di campo e, comunque, non più alte di un palmo. Belle come la luna, uscivano dalle loro grotte soltanto di notte, per paura che il sole bruciasse la loro pelle delicata.
Erano venute da paesi lontani e misteriosi, portandosi appresso immense ricchezze.
Avevano unghie lunghissime d'acciaio, con cui scavavano le loro casette nella viva roccia; ma avevano anche dita così sottili e delicate che potevano ferirsi a strappare una foglia di prezzemolo.
Trascorrevano l'intera giornata a tessere e a ricamare abiti preziosi di lino e di broccato, trapuntati con fili d'oro e d'argento. E mentre tessevano, cantavano con voce meravigliosa , che incantava.
Non uscivano quasi mai dalle loro domus, dove gli oggetti e le suppellettili avevano le giuste misure per la loro statura, e solo raramente socializzavano con gli uomini.
Le janas di Montoe, presso Pozzomaggiore, volavano di notte, silenziose, dentro le case del paese, attraverso le piccole fessure o le finestrelle semiaperte,e curiosavano tra la gente addormentata.
Se qualche essere umano gli piaceva, lo chiamavano bisbigliando il suo nome per tre volte. E se la persona prescelta si svegliava, la invitavano a seguirle fino alle loro casette tra le rocce, rischiarando la via con i loro corpicini luminescenti.
Dentro le case, mostravano agli ospiti fortunati immensi tesori, che suscitavano stupore e cupidigia. Ma gli uomini non sapevano che tutte quelle meravigliose ricchezze non potevano essere sfiorate davanti alle janas, che ne erano gelosissime, perchè immediatamente oro e gioielli si tramutavano in cenere e carbone. Nessuno sapeva perchè esse non parlavano che per impossessarsi del tesoro delle janas occorreva ritornare nelle minuscole casette sulle colline in pieno giorno, con in mano un rosario o un oggetto benedetto. Per questa ragione, a Pozzomaggiore nessuno diventò mai ricco.
Ma guai a tentare di derubare le janas con la forza e con l'astuzia ! Ecco che cosa accadde un giorno a un giovanotto che tentò di portar via un prezioso scialle tessuto con fili d'oro che le fatine di Funtana Pinta, nei pressi di Siligo, avevano steso all'aria ad asciugare.
Silenzioso come una volpe, il giovane si avvicinò alle rocce su cui stava lo scialle e con un velocissimo colpo di mano lo afferrò, precipitandosi subito dopo lungo il pendio e correndo a perdifiato fino al luogo in cui aveva lasciato il suo cavallo . Ma le janas lo aspettavano proprio in quel punto e lo attaccarono furiose come uno sciame di vespe impazzite.
L'uomo riuscì ugualmente a montare a cavallo e a partire a galoppo ; ma le minuscole streghe si attaccarono alla coda dell'animale e lo pungolarono con ferocia fino a farlo imbizzarrire .
Così il cavallo disarcionò il suo padrone, che si trovò a tu per tu con gli occhietti luccicanti delle donnine delle colline.
Erano occhi terribili, che gli esseri umani non erano in grado di fissare a lungo, perché si trasformavano in statue di pietra.
E così infatti avvenne: l'incauto giovanotto fu pietrificato all'istante e non poté raccontare a nessuno la sua impresa.
Ma ben più terribile era la sorte di chi si imbatteva nelle "malas janas" di Tonara. Costoro stendevano sotto le loro grotte un bellissimo velo bianco che ricopriva l'intera pianura. L'ignaro viandante che si trovava a passare da quelle parti restava inesorabilmente abbagliato da tanto splendore e come invischiato in un incantesimo mortale.
Allora il poveretto veniva catturato da un nugolo di nani malefici , che lo ficcavano in una grande buca sul terreno, assieme ad altre vittime. E qui giungeva a un certo punto la "jana maísta" , che succhiava loro tutto il sangue. E una volta saziatasi di sangue umano, la "jana regina" volava a rinchiudersi per tre giorni in una grotta, dove partoriva altre minuscole janas. Per fortuna la malas janas di Tonara si estinsero molto presto, perchè rimpicciolirono sempre di più, fino a confondersi con i vermi della terra. Le altre fate invece durarono più a lungo e vissero in pace e in armonia con gli esseri umani, almeno fino all'epoca in cui arrivarono in Sardegna i pisani . Erano tempi in cui il mondo non conosceva né malizia né cupidigia . Le janas che vivevano sul Monte Manai, vicino a Macomer, nei giorni di festa scendevano addirittura in un sito chiamato Sa Rucchitta per ballare con la gente del paese. E siccome erano bellissime, gli uomini le invitavano spesso a entrare "in su ballu tundu" *nel ballo tondo* il cui grande cerchio danzante occupava quasi tutta la piazzetta.
Un giorno una jana di nome Giula entrò nel ballo e scatenò al ritmo delle "launeddas", antichissimo strumento musicale a fiato, passando dall'uno all'altro ballerino leggera e felice come una farfalla.
Ma a un tratto Giula sentì il richiamo delle sue compagne che, dall'alto delle domus, la mettevano in guardia:
Giula Giulitta
sos buttones ti chirca.
Giula, Giunone,
chircadi sos buttones .
La danza cessò di colpo. Giula guardò allora il suo corpetto di velluto e si accorse che i bottoni d'oro filigranato erano misteriosamente spariti : qualcuno li aveva rubati In quel momento le janas capirono che l'avidità e la malizia erano purtroppo apparse anche tra la buona gente di Sardegna e decisero perciò di sparire per sempre abbandonando le loro minuscole case sulle colline, che ancora occhieggiano come finestrelle aperte su un mondo misterioso e ormai perduto.

Immagine

_________________
Immagine


Top
 Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Il Piccolo Popolo delle Janas
MessaggioInviato: 23/05/2011, 11:05 
Quando leggo queste cose scopro che qualcosa di me è restata bambina e non ha mai smesso di credere alle fate :) :-p


Top
  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 2 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC +1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  
cron